26 Settembre 2021

UN MOMENTO STORICO: A MLADÁ BOLESLAV . NASCE IL PRIMO “CARRELLO MOTORIZZATO”

Nella primavera del 1905, i signori Laurin e Klement si chiedevano come celebrare il primo decennio della loro azienda produttrice di biciclette e motociclette. Decisero di farlo imboccando una nuova direzione: avrebbero realizzato la loro prima quattro ruote. Nell’aprile di quell’anno esibirono il loro motore a V da 6 cavalli (4,4 kW) destinato alla loro futura automobile in un salone dell’automobile nel Palazzo dell’Industria di Praga. Gli esperti di automobilismo hanno preso nota: l’azienda di Mladá Boleslav stava per produrre automobili!

Entro la fine dell’anno, due esemplari funzionanti della futura VOITURETTE A erano stati completati e presentati al pubblico e sottoposti a intensi test di guida. Ma i nostri bisnonni potevano acquistare l’auto solo nel 1906, quando ricevette l’approvazione ufficiale. La VOITURETTE A, il cui nome è la parola francese per “carretto”, divenne presto un successo. Con il suo eccellente rapporto qualità-prezzo e prestazioni, solo tre anni dopo questo modello rappresentava il 90% di tutte le auto di questa categoria vendute in tutto l’impero austro-ungarico.

Frenata assistita dalla sabbia 

La struttura di base era un telaio a scala di forme a U in acciaio stampato rivettate insieme, una coppia di assali rigidi con sospensioni a balestra semiellittiche e un sistema di trasmissione classico.

VOITURETTE è riuscita a guidare su terreni difficili, solo l’equipaggio ha dovuto resistere alle condizioni meteorologiche

Una frizione a cono con rivestimento in pelle era fissata al motore anteriore . Se la frizione iniziava a slittare in salita, di solito era sufficiente che il guidatore aggiungesse un pizzico di sabbia dalla strada attraverso una piccola apertura, senza dover smontare il motore. Aveva tre marce e persino una retromarcia, caratteristiche quasi senza precedenti nelle piccole automobili. Sulle prime unità prodotte, le ruote posteriori erano azionate a catena, ma la maggior parte delle vetture VOITURETTE era dotata di un albero cardanico più moderno. Tuttavia, alcuni clienti hanno preferito le catene per il loro morso più morbido e la loro capacità di smorzare parzialmente i sobbalzi trasmessi dalle ruote o dall’unità di trasmissione.

Un “interno” per gusti esigenti

Il motore bicilindrico da un litro raffreddato a liquido che erogava una potenza di 7 cavalli (5,2 kW) non funzionava molto con i cinquecento chilogrammi dell’automobile. La VOITURETTE A ha raggiunto una velocità massima di quaranta km/h. Se il guidatore aveva bisogno di frenare bruscamente, i migliori risultati si potevano ottenere premendo contemporaneamente il pedale che funzionava su un tamburo dietro il cambio (noto come freno cardanico) e tirando il freno a mano che era attaccato ai tamburi della ruota posteriore da un cavo.

I pannelli in lamiera rossa erano una caratteristica tipica della classica VOITURETTE A

Il nucleo della struttura era un telaio a scala di forme a U in acciaio pressato rivettato

Il sedile era una “scatola delle carrozze” in legno rivestita in pelle

Leve a mano collegate ai tamburi della ruota posteriore tramite una frenata assistita da cavo

Il motore bicilindrico da un litro raffreddato a liquido erogava 7 cavalli

La primissima automobile prodotta a Mladá Boleslav si distingueva per l’attenzione ai dettagli

L'acceleratore era una leva al centro del volante.

L’acceleratore era una leva al centro del volante

Le ruote in legno con cerchioni in acciaio erano fissate all'asse tramite un dado centrale.

Le ruote in legno con cerchioni in acciaio erano fissate all’asse da un unico dado centrale

Il motore è stato avviato con una manovella, ovviamente.

Il motore è stato avviato con una manovella, ovviamente

La VOITURETTE A non aveva molti interni, perché era un’automobile a fiancate aperte per due persone. Il design degli “interni” era in linea con l’estetica dei primi del Novecento , per cui il sedile era un vero e proprio “box per carrozze” rivestito in pelle, con una generosa quantità di legno e altri materiali naturali, rivetti sia funzionali che estetici e, su la maggior parte dei modelli, placcatura esterna in metallo rosso.

Ovviamente non soddisferebbe i requisiti odierni, ma nel suo atteggiamento nei confronti della qualità dei materiali è del tutto paragonabile al modo in cui vediamo oggi gli allestimenti automobilistici. “Illustra magnificamente gli enormi progressi che sono stati compiuti sia dall’industria automobilistica che dalla società nel suo insieme nell’ultimo secolo. Detto questo, come designer posso vedere che ci sono voluti molta passione, impegno e cura. Proprio come quello che facciamo oggi, infatti”, spiega Oliver Stefani, capo designer di ŠKODA, come vede la VOITURETTE A.

Il successo della VOITURETTE A non si è limitato al mercato interno austro-ungarico : come i suoi predecessori a due ruote Laurin & Klement, è stata venduta in Germania e in altri paesi. Quarantaquattro di queste automobili furono prodotte dal 1905 al 1907. Solo una manciata è sopravvissuta fino ad oggi. Puoi trovare un esemplare originale nell’esposizione permanente del Museo ŠKODA a Mladá Boleslav, o al Museo Nazionale della Tecnica di Praga, la cui VEITURETTE è stata un dono personale di Václav Klement, il fondatore dell’azienda, negli anni ’30.