3 Dicembre 2021

INNOVAZIONE RENAULT: UN PEDALE PER PARCHEGGIARE

L’innovazione è stata al centro di tutto ciò che facciamo in Renault da quando il marchio è nato oltre un secolo fa. Nel corso dei decenni, gli ingegneri Renault hanno costantemente cercato di concepire e sviluppare soluzioni per rendere la guida più confortevole, pratica e sicura. Con l’ invenzione di One pedal to park , il leader del progetto di sistema Jong-Hoon e l’ingegnere di algoritmi Pape seguono questa tradizione di trasformare un ostacolo in un punto di forza.  

È nel 1898 che Louis Renault deposita il brevetto per il cambio a presa diretta. Poche settimane dopo, insieme ai suoi fratelli Marcel e Fernand, ha fondato la società Renault frères, segnando l’inizio di un incredibile viaggio produttivo in cui gli ingegneri del marchio sono costantemente incoraggiati a superare se stessi per innovare. E questo è sicuramente qualcosa di cui Jong-Hoon e Pape sanno più di un po’! Incaricati di sviluppare il sistema Advanced Park Assist, avevano bisogno di trovare una soluzione per portare a termine il loro progetto dopo che una “guerra dei pulsanti” è scoppiata a causa di uno sviluppo che era completamente fuori dalle loro mani solo due mesi prima della fine del progetto. 

Il pulsante, che era al centro della nostra innovazione, è stato assegnato a un altro progetto. Praticamente ce l’hanno appena preso.

Pape , ingegnere algoritmo Renault, sistemi di assistenza alla guida

 

È semplicemente inaudito cambiare concetto in soli due mesi! Eppure ce l’abbiamo fatta!

Jong-Hoon , capo progetto sistema Renault, sistemi di assistenza alla guida

 

 

Rendere le auto sempre più facili da parcheggiare

Da molti anni Renault dota i suoi veicoli di sistemi di assistenza alla guida per facilitare il parcheggio delle persone . Il primo passo in questa direzione è stato fatto negli anni ’90/2000 con il sensore di parcheggio , prima per la retromarcia nella parte posteriore del veicolo, poi abbiamo aggiunto il sistema anche all’anteriore. “Non hai più bisogno di scendere dall’auto per vedere se c’è ancora spazio per parcheggiare”, sorrise Pape.

Pochi anni dopo, la telecamera di parcheggio posteriore , e talvolta anche una telecamera a 360° che offre una ‘vista dall’alto’, arrivò a completare i sistemi di assistenza al parcheggio. “Oltre al segnale acustico, i conducenti ora hanno potuto vedere la posizione degli ostacoli visualizzati sullo schermo multimediale montato sul cruscotto dell’auto”,

Quando Easy Park Assist è stato montato per la prima volta sull’Espace 5 nel 2015, “siamo entrati in una nuova era”, ha affermato Pape. Quando il guidatore attiva l’opzione, il veicolo trova uno spazio di parcheggio in cui si inserisce e calcola lo sterzo stesso, prendendo il controllo della ruota, lasciando al guidatore il semplice controllo dell’accelerazione, della frenata e dei cambi di marcia del veicolo da retromarcia a guida così come il freno a mano.

L’introduzione del sistema Easy Park Assist nell’Espace 5 nel 2015 ha reso il parcheggio della tua auto facile come ABC!

Quando l’Espace è stato rinnovato nel 2019, Renault ha deciso di andare ancora oltre nell’automazione del parcheggio progettando un proprio sistema di assistenza al parcheggio che prende il controllo dell’intera vettura per completare la manovra, dalla ricerca dello spazio allo spegnimento del motore. Questo sistema di assistenza al parcheggio avanzato sostituirebbe Easy Park Assist.

Advanced Park Assist va anche oltre Easy Park Assist automatizzando l’intera manovra di parcheggio

Questa ambiziosa impresa è stata affidata a due dei nostri ingegneri più promettenti. Jong-Hoon, capo progetto del sistema di assistenza alla guida, è stato incaricato di elaborare l’idea per il sistema, mentre Pape, ingegnere dell’algoritmo del sistema di assistenza alla guida, è stato scelto per realizzarlo.

Avevano un grosso vincolo da aggirare: il sistema doveva rientrare nella categoria dell’assistenza alla guida e non sfociare in una delega completa di controllo. Ciò significava che dovevano assicurarsi che il conducente rimanesse impegnato per tutta la durata della manovra.

Jong-Hoon, capo progetto del sistema di assistenza alla guida, e Pape, ingegnere dell’algoritmo del sistema di assistenza alla guida, che ha guidato lo sviluppo del sistema Advanced Park Assist

Niente avrebbe potuto essere più facile per Jong-Hoon e Pape! Hanno avuto l’idea di un pulsante che il conducente avrebbe dovuto premere e tenere premuto. “Tutto ciò che l’autista doveva fare era tenere premuto il pulsante per iniziare la manovra. Potevano lasciarlo andare se c’era un problema e premerlo di nuovo per terminare il parcheggio”, ha spiegato Jong-Hoon. Per fortuna c’era spazio disponibile per il pulsante sulla console centrale, poiché il pulsante del regolatore di velocità/limitatore di velocità era stato spostato sul volante. Il nuovo pulsante potrebbe essere posizionato comodamente sulla consolle centrale, dove il guidatore può azionarlo facilmente con il gomito appoggiato comodamente: l’ideale per una manovra che può durare diverse decine di secondi!

Tuttavia, ciò non ha tenuto conto dell’introduzione di un’altra caratteristica, il freno di stazionamento elettronico Autohold, che è stato rivalutato e ritenuto prioritario rispetto al sistema Advanced Park Assist. Solo pochi mesi prima dell’uscita prevista dell’auto, il progetto di Jong-Hoon e Pape era in pezzi. La loro soluzione iniziale del pulsante per focalizzare l’attenzione del conducente non era più disponibile.

La funzione del freno a mano Autohold è stata assegnata al pulsante inizialmente previsto per il sistema Advanced Park Assist

Passaggio da pulsante a pedale

Ora che il pulsante, indispensabile per tenere impegnato il guidatore e assicurarsi che la funzionalità fosse adatta all’uso, non era più disponibile, il progetto sembrava destinato ad essere abbandonato. Ma non puoi mai trascurare la determinazione e la creatività dei nostri due ingegneri!

Jong-Hoon e Pape pensarono prima di aggiungere un altro pulsante, ma era troppo tardi, soprattutto perché era stato deciso che il nuovo Espace avrebbe dovuto vantare una console centrale meno ingombrante. Hanno anche pensato brevemente di posizionare il pulsante per attivare il sistema Advanced Park Assist sotto lo schermo multimediale, ma tenere premuto il pulsante con il braccio teso durante l’intera manovra di parcheggio non sarebbe stato molto comodo. L’unica alternativa era trovare un altro modo per mantenere il contatto… che è quando hanno trovato la soluzione di usare il pedale dell’acceleratore !

Con Advanced Park Assist, tutto è automatizzato, tutto ciò che devi fare è tenere il piede sul pedale per parcheggiare

Ci siamo subito accorti che usare l’acceleratore come punto di contatto sembrava la soluzione più appropriata. Ci ha permesso di mantenere il pilota impegnato e poteva essere usato allo stesso modo del pulsante. Tutto quello che doveva fare il guidatore era tenere il piede sul pedale per attivare la manovra e lasciarlo andare per fermarsi.

Jong-Hoon , capo progetto sistema Renault, sistemi di assistenza alla guida

Il veicolo doveva essere rilasciato a breve, quindi dovevano agire in fretta. Jong-Hoon e Pape hanno iniziato a sviluppare il prototipo e sono passati rapidamente alle dimostrazioni di prova interne. Stavano lavorando velocemente, ma in modo efficace. La loro soluzione, denominata One pedal to park , ha catturato l’immaginazione delle persone, li ha conquistati e li ha portati a bordo! Alcuni clienti sono stati invitati a testare l’innovazione e il loro feedback è stato più che positivo! “Abbiamo condotto prove sugli utenti che hanno portato a risultati molto positivi, evidenziando quanto fosse facile da usare il sistema”, ha affermato Pape.

La soluzione a pedale è stata sviluppata in tempo record: sono bastati  solo due mesi! “È semplicemente inaudito cambiare concetto in soli due mesi! Eppure ce l’abbiamo fatta!” In circostanze normali, sarebbero necessari circa due anni per sviluppare questo tipo di innovazione”, ha spiegato Jong-Hoon.

Il brevetto è stato depositato immediatamente. L’architettura e il funzionamento del sistema sono stati attribuiti a Jong-Hoon e l’algoritmo a Pape.

Jong-Hoon e Pape al lavoro sulla soluzione “One pedal to park”

Eppure la vera fonte di soddisfazione è stata che la soluzione a pedale è addirittura migliore del pulsante. In primo luogo, perché è più facile agire . Il guidatore non ha bisogno di trovare il pulsante per poter attivare la manovra e l’uso dell’acceleratore risulta più naturale. In secondo luogo, perché è più sicuro . Se c’è un problema, ad esempio se un pedone o un animale decide di camminare dietro il veicolo, è istintivo togliere il piede dal pedale. E terzo, perché il sistema si arricchisce . La velocità della manovra ora può essere controllata dal conducente stesso. In precedenza, la velocità era definita dal sistema, indipendentemente da come il conducente premeva il pulsante. Con il sistema Advanced Park Assist combinato con la soluzione One pedal to park, i conducenti possono oracontrollare la velocità della manovra fino a 7 km/h. Inoltre, mentre prima si doveva attendere che il veicolo fosse completamente fermo per iniziare la manovra dopo un’interruzione, ora è possibile riprendere ‘al volo’.

L’uso del pedale ci ha permesso di andare oltre il pulsante, passando da una funzione on/off a un controllo progressivo. È stata una strada un po’ accidentata, una vera sfida. Ma tutto quello che è successo ci ha portato a sviluppare una soluzione ancora migliore della nostra idea iniziale.

Pape , ingegnere algoritmo Renault, sistemi di assistenza alla guida

L’affrontare le avversità ha spinto Pape e Jong-Hoon a rendere il sistema di assistenza alla guida che avevano il compito di sviluppare ancora più facile da usare. Il sistema è stato ritenuto così completo e pratico nell’Espace che è stato applicato esattamente come nella Nuova Mégane E-TECH Electric , offrendo un riconoscimento esplicito del loro lavoro. Invisibile e intuitivo, si adatta perfettamente agli interni minimalisti e aerodinamici del nuovo modello.

La nuova Mégane E-TECH Electric è dotata del sistema Advanced Park Assist

L’innovazione sviluppata da Jong-Hoon e Pape illustra la potente forza creativa che costruisce il portafoglio di proprietà intellettuale di Renault e la capacità dei suoi dipendenti di innovare .

Ai Premi per l’ innovazione Renault Frères 2021 , dove questa invenzione è stata celebrata, Luca de Meo ha ricordato:

Al centro del nostro piano strategico Renaulution c’è il desiderio di rendere la nostra azienda una vera azienda tecnologica e offrire ai nostri clienti i servizi meglio connessi e l’alta tecnologia a bordo dei nostri veicoli. Siamo in procinto di entrare nell’era automobilistica 4.0, intrisa di intelligenza artificiale. Per migliorare ogni giorno le nostre auto, stiamo rafforzando la nostra esperienza in interfacce utente, big data, piattaforme di servizi, sistemi operativi, sicurezza informatica, connettività e transizione energetica. Per fare questo, possiamo fare affidamento sulle nostre risorse e competenze interne. I nostri veicoli e servizi si distinguono per soluzioni intelligenti che trasformano l’esperienza dei clienti e trasmettono loro emozione e piacere di guida.

Luca de Meo , CEO Gruppo Renault