15 Luglio 2024

ŠKODA 1100 OHC Coupé: un’auto da corsa accuratamente ricostruita

› Due esemplari della ŠKODA 1100 OHC Coupé furono costruiti nel 1959/1960
› Ulteriore sviluppo del design aerodinamico della coupé e del peso ridotto (555 kg) a testimonianza dell’alto livello di competenza tecnica del team ŠKODA
› Le tradizionali tecniche di produzione sono state combinate con il taglio tecnologie all’avanguardia presso il Centro Prototipi di ŠKODA AUTO per ricostruire il veicolo secondo la documentazione storica
› ŠKODA 1100 OHC Coupé (1959) integra la versione a carrozzeria aperta del veicolo del 1957 nella collezione del Museo ŠKODA

Mladá Boleslav – Per celebrare il 120° anniversario di ŠKODA Motorsport , i dipendenti del Museo ŠKODA e del Centro prototipi di ŠKODA AUTO hanno collaborato a un progetto per ricostruire l’ auto da corsa ŠKODA 1100 OHC Coupé . I team hanno iniziato con il ricondizionamento del telaio, del telaio e del motore originali e hanno ricostruito la carrozzeria secondo la documentazione storica. Nel processo, hanno utilizzato la tecnologia all’avanguardia e le tecniche tradizionali nella costruzione del corpo.

La progettazione della ŠKODA 1100 OHC (designazione interna del tipo 968), destinata principalmente alle gare su circuito di durata, iniziò già nella primavera del 1956. Entro la fine del 1957 era stata completata la prima di due copie con carrozzeria in vetroresina aperta. Questo veicolo è ancora tra i punti salienti della mostra del Museo ŠKODA a Mladá Boleslav. Gareggia regolarmente in eventi di auto d’epoca nazionali e internazionali. Il secondo 1100 OHC viene utilizzato da ŠKODA UK per scopi pubblicitari, principalmente in occasione di eventi locali nel Regno Unito.

Nel 1959/1960, i progettisti continuarono a lavorare al progetto 968 e crearono due coupé ŠKODA 1100 OHC con carrozzeria chiusa. Sono stati utilizzati componenti collaudati dei modelli di produzione ŠKODA. Tuttavia, a differenza di ŠKODA SPORT e SUPERSPORT, che furono create alla fine degli anni ’40, il veicolo non era più basato su un tubo centrale con forcelle per un motore OHV da montare anteriormente. Invece, la ŠKODA 1100 OHC Coupé ha sfruttato un telaio a traliccio leggero ma rigido saldato da tubi a parete sottile. Per le ruote anteriori è stata utilizzata la sospensione trapezoidale, costituita da due bracci trasversali triangolari disposti uno sopra l’altro, mentre al posteriore è stato installato un assale di accoppiamento con bracci longitudinali.

Il motore era posizionato dietro l’asse anteriore e, insieme all’unità di assemblaggio, comprendente il differenziale dell’asse posteriore e il cambio a cinque marce, raggiungeva una distribuzione dei pesi quasi ideale. La maneggevolezza dell’auto da corsa dinamica era eccezionale; la ŠKODA 1100 OHC Coupé era alimentata da un motore a quattro cilindri in linea aspirato. Il cilindro e il basamento erano realizzati in alluminio e derivavano dalla ŠKODA 440 “Spartak”, così come l’albero motore. Tuttavia, l’auto da corsa ha notevolmente superato la potenza dello Spartak di 40 CV (29,4 kW) a 4.200 giri / min grazie alle camere di combustione ottimizzate e all’azionamento delle valvole OHC, un rapporto di compressione di 9,3:1, due carburatori, accensione a doppia dinamo della batteria Bosch, Scintilla Magneti di vertice e molte altre modifiche. La sua potenza era di 92 CV (67,7 kW) a 7.700 giri/min, con ben 85 CV per litro di cilindrata. Per brevi raffiche, potrebbe raggiungere fino a 8.500 giri/min. A seconda del rapporto di trasmissione complessivo, regolabile in base allo specifico circuito di gara, la due posti con carrozzeria in alluminio e un peso a vuoto di soli 555 kg raggiunge una velocità massima di circa 200 km/h. I freni a doppio circuito assicuravano sempre una decelerazione efficace e, per ridurre le masse non sospese, i freni a tamburo posteriori erano montati sull’ingranaggio differenziale.

La carriera agonistica delle due ŠKODA 1100 OHC coupé durò dal 1960 al 1962. Nel 1966 furono vendute ad acquirenti privati ​​quando non furono più autorizzate a gareggiare a causa di modifiche ai regolamenti tecnici, che portarono alla fine dei sotto i 1.100 cm 3categoria. Successivamente, entrambe le coupé furono distrutte in incidenti stradali. Il proprietario del primo veicolo, i cui componenti superstiti sono stati utilizzati nella ricostruzione, ha sostituito il motore del 1100 OHC con un quattro cilindri di serie con fasatura delle valvole OHV di una FELICIA. Il motore originale è stato esposto a lungo nella scuola professionale di Mladá Boleslav prima di essere finalmente installato nella ricostruita 1100 OHC Coupé. La seconda coupé ha preso fuoco in un incidente. Il conducente è riuscito a fuggire dal veicolo, ma la carrozzeria in alluminio è stata irrimediabilmente danneggiata. L’esclusivo assale posteriore smontato con cambio integrato faceva parte della collezione del Museo Nazionale della Tecnica di Praga prima di essere donato al Museo ŠKODA 25 anni fa. Il Museo ŠKODA ha acquisito la struttura a traliccio, che era stata tagliata in tre parti,

Una leggenda rinata
L’ambizioso progetto di restauro del veicolo non sarebbe stato possibile senza gli esperti del Museo ŠKODA e la loro esperienza di lavoro sullo ŠKODA 1100 OHC aperto. Anche la documentazione tecnica originale è stata fondamentale per il successo del progetto. Quasi tutto era stato conservato nell’archivio ŠKODA AUTO, inclusa una spiegazione di ogni sezione di produzione e un disegno esplicativo per l’installazione dei singoli gruppi. I componenti meccanici originali presentavano pochissima usura, in quanto l’auto aveva preso parte solo a poche gare. Il rinnovamento dell’intero telaio, insieme al radiatore, al serbatoio del carburante e ad altri elementi appena ricostruiti, è stato completato alla fine del 2015.

In origine, il telaio dell’auto doveva essere esposto al Museo ŠKODA accanto all’auto a carrozzeria aperta. Tuttavia, si è deciso invece di ricostruire la coupé come un veicolo perfettamente funzionante.

Il compito più impegnativo è stato ricostruire il corpo in alluminio. Il designer originale era l’ex designer di fabbrica Jaroslav Kindl. I falegnami dell’epoca costruirono un modello in legno secondo i suoi documenti. Un gruppo di metalmeccanici ha martellato a mano i pannelli di alluminio e le singole parti sono state quindi saldate o rivettate insieme.

Durante la ricostruzione, il team dell’officina di restauro del Museo ŠKODA ha lavorato a stretto contatto con i colleghi del Centro prototipi di ŠKODA AUTO. Sulla base delle scansioni dei disegni 2D in scala 1:1, è stata creata una griglia tridimensionale, che è stata quindi postelaborata visivamente. Le forme dei singoli elementi sono state accuratamente esaminate e corrette, ad esempio nella parte anteriore del veicolo e attorno alle luci posteriori. Le fotografie storiche sono state confrontate con gli schizzi e il modello 3D. Gli esperti hanno quindi potuto visualizzare l’auto da tutti i lati nello studio virtuale e apportare modifiche. Sono stati creati modelli in miniatura seguiti da modelli degli angoli del corpo anteriore e posteriore in scala 1:1. Dopo la perizia, gli adeguamenti necessari e l’approvazione finale, gli ingegneri di ŠKODA AUTO hanno iniziato a lavorare sulle pareti divisorie,

La carrozzeria è stata realizzata con lamiere di alluminio di 0,8 mm e 1 mm di spessore, saldate manualmente e battute per modellare durante la ricostruzione. In origine, entrambe le coupé erano uniche, con una finitura anodizzata. In pista, tuttavia, questo trattamento superficiale non ha dimostrato alcun beneficio, quindi entrambe le vetture sono state dipinte di rosso a metà della stagione 1962.

L’elaborato progetto per ricostruire completamente il veicolo richiedeva l’acquisto di numerosi componenti più piccoli identici alle parti utilizzate all’epoca nei veicoli di produzione. Le maniglie esterne delle portiere della coupé, ad esempio, erano le stesse della ŠKODA 1200 “Sedan”, e alcuni interruttori e il blocchetto dell’accensione sono stati utilizzati anche nella ŠKODA 440 “Spartak” e nell’OCTAVIA. Il volante a tre razze rifinito in plastica nera è stato ripreso dalla ŠKODA POPULAR, il bestseller del periodo prebellico.