22 Luglio 2024

Il marchio Volkswagen prepara i suoi stabilimenti per il futuro


Assegnazione dei modelli per gli stabilimenti VW in Germania pianificata fino al 2028


Riduzione della complessità produttiva grazie all’allocazione basata su piattaforma


Migliore efficienza dell’allocazione e della produzione dei veicoli fa avanzare il programma strategico ACCELERATE forward | Road to 6.5
Verona – Il marchio Volkswagen sta preparando la sua rete di produzione in Germania per il futuro. In una riunione tenutasi oggi, il Consiglio di Amministrazione del Gruppo ha informato il Consiglio di Sorveglianza del Gruppo
Volkswagen sui piani di assegnazione dei veicoli per il marchio fino al 2028.

Nel compiere questo passo, l’azienda ha impostato i suoi siti per un utilizzo redditizio della capacità e per la prospettiva economica dei prossimi anni.

L’allocazione efficiente dei veicoli e l’aumento della produttività sono aspetti chiave del programma strategico ACCELERATE forward | Road to 6.5 intrapreso dal marchio.


Thomas Schäfer, CEO del marchio Volkswagen: “Il nostro settore affronta sfide complesse in quanto sta vivendo
una trasformazione che viene condotta in condizioni di business difficili.


È ancora più importante preparare i nostri singoli stabilimenti e la rete di produzione Volkswagen in Germania
per il futuro.

Nel contesto del nostro programma strategico, questo piano di assegnazione dei veicoli recentemente
approvato darà un contributo sostanziale a un marchio VW forte e competitivo”.


Christian Vollmer, Membro del Consiglio di Amministrazione del marchio Volkswagen per la Produzione e membro dell’Extended Executive Committee for Production, ha aggiunto: “Stiamo utilizzando la transizione all’elettromobilità come un’opportunità per ridurre la complessità della nostra produzione e aumentare ulteriormente l’efficienza
dei nostri impianti.

Stiamo raggruppando sistematicamente veicoli basati sulla stessa architettura in tutti i marchi nei nostri stabilimenti.

In questo modo, risparmieremo investimenti significativi nell’integrazione di diverse architetture di veicoli. Vogliamo
che i nostri stabilimenti producano diversi modelli sulla base tecnica di un’unica architettura del veicolo”.



Daniela Cavallo, Presidentessa del Consiglio Generale di Fabbrica, ha dichiarato: “Con le decisioni per i nostri impianti nazionali VW di produzione di veicoli, abbiamo ora compiuto un passo importante nel ciclo di pianificazione.

In tal modo, anche in tempi difficili, l’azienda e il Consiglio di Fabbrica stanno dimostrando la loro capacità di
lavorare insieme per trovare soluzioni solide che combinino il miglior utilizzo economico possibile delle fabbriche e chiare prospettive per la nostra forza lavoro.


Con questo in mente, stiamo ora passando alle fasi successive del ciclo di pianificazione e del programma strategico”.


Oltre alla ID.3, la cui costruzione sarà avviata nel 2023, lo stabilimento di Wolfsburg produrrà un secondo modello elettrico.

A partire dal 2026, è programmato che un SUV completamente elettrico per il segmento C ad alto volume uscirà dalle linee di assemblaggio.

Il robusto utilizzo dell’impianto sarà assicurato anche dalla produzione della bestseller Golf e della nuova generazione di Tiguan.

A partire dal 2025, anche il modello successore della Tiguan Allspace sarà prodotto nello stabilimento principale.


Durante la pianificazione dell’assegnazione degli impianti, è stato deciso che non era necessario costruire un ulteriore impianto a Wolfsburg Warmenau.

Invece, nuovi modelli elettrici basati sull’architettura SSP (Scalable Systems Platform), che saranno
introdotti alla fine del decennio, saranno integrati nelle strutture esistenti e modernizzate dello stabilimento principale.

Anche l’icona bestseller VW Golf avrà qui il suo futuro elettrico su base SSP.

Allo stato attuale, il progetto del modello Trinity originariamente previsto per Wolfsburg andrà allo stabilimento di Zwickau.


Lo stabilimento di Osnabrück continuerà inoltre la partnership con Porsche oltre alla produzione dei veicoli a combustione Arteon e T-Roc cabriolet.


La pianificazione precedente rimarrà in vigore per tutte le altre sedi tedesche e internazionali del marchio Volkswagen.