Giugno 13, 2021

LE ICONE SI RINNOVANO: UN PRATICO FURGONE DA CAMPER

Come sarebbe il leggendario ŠKODA 1203 se fosse stato realizzato da un designer contemporaneo? Entra nel mondo dell’immaginazione dei designer e scopri cosa li ispira.2. 2. 2021

WQuando il designer Daniel Hájek ispeziona la nuova ŠKODA 1203 durante il servizio fotografico, i ricordi tornano a galla: “Abbiamo una versione a pianale simile nel giardino della casa dei miei nonni, ma non è più idonea alla circolazione”. E quando aggiunge che “era una specie della mia prima macchina, l’abbiamo usata nella nostra fattoria e quando avevo quindici anni mi lasciavano avviare il motore di tanto in tanto e guidarlo per il campo”, è chiaro che non è stato un incidente ha scelto il leggendario veicolo utilitario ŠKODA per la serie Icons Get a Makeover .

Ma la sua scelta non è stata guidata solo dalla nostalgia. “Sì, ne ho parlato con i miei colleghi e mi hanno detto che se avessi esperienza con il 1203 potrei provare a reimmaginarlo per il nuovo millennio. Ma penso anche che un veicolo come questo oggi sarebbe fantastico per il marchio ŠKODA ”, afferma Daniel. A suo avviso, è un veicolo che incarna perfettamente i valori del marchio: praticità, molto spazio interno e soluzioni Simply Clever . 

Nella sua visione il “nuovo” 1203 è un camper moderno con un tetto “pop-top”. “Questo tipo di auto sta guadagnando popolarità di recente, quindi alla fine questo è il tipo di design che ho scelto. Ma la mia prima idea è stata quella di progettare un veicolo di scorta di gruppo per il Tour de France “, dice Daniel, riferendosi al noto coinvolgimento della casa automobilistica ceca nel mondo del ciclismo.

Non retrò

Quando lavorava al suo studio di una moderna ŠKODA 1203, ha cercato di portare il design del leggendario furgone nel 21 ° secolo. “Volevo che dal mio studio fosse chiaro che questo è lo stesso veicolo, ma non volevo che fosse troppo evidentemente retrò. Ho progettato un veicolo moderno che rende omaggio alla leggenda “, dice della filosofia dietro il suo studio. Nel complesso, il suo obiettivo principale era quello di creare un design puro. “Volevo che fosse senza tempo”, spiega.

Quindi il 1203 di Daniel ha ottenuto un “doppio picco”, come il designer descrive i bordi leggermente sporgenti del tetto e della griglia del radiatore che hanno linee più nitide rispetto alle caratteristiche arrotondate dell’originale. Ha sostituito le 1203 linee perimetrali orizzontali con la “linea del tornado” che caratterizza le vetture ŠKODA di oggi e ha dotato la sua creazione di una firma luminosa molto attuale. “Ho riflettuto a lungo su come fare riferimento alle luci rotonde dell’originale senza che fossero troppo retrò. Ecco perché qui c’è solo un accenno di alcune curve, ma per il resto la firma leggera è nuova e audace “, afferma Daniel.

La parte posteriore del veicolo era il dado più difficile da rompere per Daniel. “L’originale 1203 è relativamente stretto. Le auto moderne sono molto più ampie, e per di più stavo cercando di trovare un modo per fare riferimento ai fari, che erano gli stessi sulla 1203 e sulla 1000 MB “, spiega. Quindi il furgone è otticamente allargato dalle linee orizzontali. I lati inclinati e il tetto relativamente stretto rendono omaggio al telaio snello del 1203.  

ŠKODA 1203

Lo ŠKODA 1203 è stato il veicolo utilitario cecoslovacco più utilizzato del XX secolo. È stato presentato per la prima volta il 14 settembre 1968 in una fiera di ingegneria meccanica a Brno. Questi furgoni hanno avuto un ruolo in tutta la vita di cechi e slovacchi: dalla culla (versione ambulanza) alla loro ultima dimora (versione funebre), per non parlare di minibus, furgoni, pianali o versioni di montaggio. Questo veicolo commerciale con una carrozzeria monospaziale era alimentato da un motore OHV a quattro cilindri da 38 kW. Inizialmente il modello è stato prodotto a Vrchlabí, ma nel 1981 la produzione è stata trasferita a Trnava in Slovacchia, dove la 1203 è stata prodotta fino alla seconda metà degli anni ’90.

La variabilità è fondamentale

Nella visione di Daniel, il nuovo 1203 si trova sulla piattaforma Transporter utilizzata anche dal Gruppo Volkswagen. Ma potrebbe anche essere completamente elettrico. ” Un’auto elettrica consentirebbe un uso ancora migliore dello spazio”, afferma. L’interno è dominato da un cruscotto minimalista, caratterizzato anche da un’articolazione orizzontale distintiva, e da un volante a due razze orizzontali . 

Anche il ripiano a forma di ala capovolta nella parte inferiore del cruscotto strizza l’occhio allo storico 1203. Questo ripiano contiene spazio di stivaggio e, cosa interessante, è a scomparsa. “Uno scaffale estraibile potrebbe intralciare una normale macchina, ma in un furgone è pratico.”  

Per quanto riguarda l’infotainment, a prima vista potrebbe sembrare che Daniel non sia riuscito a capitalizzare le sue abilità speciali. In qualità di progettista di interfacce utente, il suo lavoro si occupa dell’aspetto e del funzionamento dei sistemi di infotainment, ma il suo 1203 in realtà non ne ha uno. “L’idea è che il conducente utilizzi il proprio dispositivo, come uno smartphone o un tablet, per accedere a queste informazioni”, afferma Daniel, aggiungendo che potrebbe, ovviamente, progettare un’app speciale per questi dispositivi per controllare le funzioni del veicolo. Il cruscotto ha solo un piccolo display informativo dietro il volante e accanto alle prese d’aria. Il display è specchiato da una targhetta recante il nome del modello davanti al sedile del passeggero.Daniel ha abbozzato il suo 1203 con una biro e l’ha finito al computer. “È il mio modo preferito di lavorare. Inoltre, ho sempre una biro con me. Il suo utilizzo non lascia spazio a errori e un pennarello crea una linea abbastanza caratteristica, quindi i miei schizzi sono un po ‘diversi: meno dinamici e più illustrativi “, spiega. 

Daniel Hájek

La carriera di questo designer ceco di 31 anni è stata legata a ŠKODA sin dall’inizio. Dopo aver studiato design grafico e tecnologia di confezionamento presso la scuola professionale superiore di Štětí, Daniel è andato alla Facoltà di Design e Arte Ladislav Sutnar di Pilsen. Lì ha canalizzato la passione per le auto che aveva fin dall’infanzia specializzandosi nella progettazione di veicoli da trasporto. È entrato a far parte di ŠKODA nel 2016, ancora studente, e ha lavorato al suo progetto di laurea in collaborazione con la casa automobilistica ceca. Ora è un progettista dell’interfaccia utente (HMI), quindi puoi trovare i frutti del suo lavoro nei sistemi di cruscotto di ŠKODA OCTAVIA ed ENYAQ iV. Ha anche contribuito ai prototipi VISION X, VISION RS, VISION iV e VISION IN . 

Nel tempo libero crea le sue opere d’arte altamente surreali sotto lo pseudonimo di DENI.