8 Agosto 2022

hands-free card: 20 anni di innovazione nel palmo della tua mano


Alzacristalli elettrici, servosterzo, aria condizionata, telecamera per la retromarcia, GPS… questa è solo una piccola selezione di tutte le invenzioni che hanno cambiato il volto delle auto moderne e portato grandi cambiamenti nella vita quotidiana degli automobilisti. Alcuni hanno contribuito a migliorare la sicurezza. Altri hanno ridefinito gli standard di comfort. La carta vivavoce ha reso più facile l’utilizzo delle auto. Progettato per la prima volta da Renault 20 anni fa, è diventato rapidamente un successo tra i consumatori nonostante alcuni ostacoli lungo il viaggio. Pascaline, Responsabile Prodotti Trasversali presso la divisione Prodotti del Gruppo Renault, ci conduce attraverso la storia dietro la carta magica .

Inizialmente vista come un gadget degno di 007, la scheda vivavoce è stata gradualmente adottata dai produttori di tutto il mondo, diventando infine una caratteristica standard in molte auto . Proprio come la berlina , resa popolare nei primi anni ’60, questo piccolo oggetto – poco più grande di una carta di credito – è una delle principali innovazioni di Renault che lascerà il segno nella storia dell’auto.

Questa soluzione innovativa è stata progettata per rendere la vita più facile ai clienti.

Pascaline , Responsabile Prodotti Trasversali presso la Divisione Prodotti del Gruppo Renault

una storia di piccole cose che fanno grandi cambiamenti!
Tutto inizia nel 2001 . Renault è stato impostato per iniziare a vendere Laguna II , una berlina che è stato detto a incarnare l’auto ‘stile di vita’ del 21 ° secolo. Tuttavia, i suoi progettisti sentivano che al design mancavano ancora alcune caratteristiche innovative.

Qualche tempo prima del suo lancio ufficiale, Bernard Dumondel , il leader del prodotto Laguna II, soggiornava in un hotel in Lussemburgo. Va a usare la chiave della sua camera – una tessera magnetica – e ha un’illuminazione: perché non usare una tessera contact-less invece della tradizionale chiave dell’auto? Nasce l’idea alla base della carta vivavoce . Presenta un prototipo della sua idea al suo program manager e affascina il Comitato Esecutivo del Gruppo (incluso lo stesso Louis Schweitzer, l’allora CEO di Renault). Il progetto viene adottato e depositato il brevetto.

Bernard Dumondel, product manager per Laguna II, ha progettato la prima carta vivavoce Renault

Lanciato nel 2001, Laguna II è stato il primo modello Renault dotato di una tessera vivavoce

Dopo la R16 TX del 1973 , la prima vettura francese ad avere la chiusura centralizzata elettronica, e la Fuego del 1982 con le sue innovative serrature delle porte telecomandate, Laguna II è diventata la prima vettura realizzata da una casa automobilistica per tutti gli usi a presentare un carta gratuita . Il progetto iniziale era noto come “veicolo di accesso senza chiave”. Negli anni successivi, Renault ha migliorato l’accessorio includendolo sui modelli Espace e Vel Satis. Ha quindi contribuito a rendere popolare il design estendendolo a tutta la sua gamma, da Clio, a Scenic e fino a Megane.

Sulle tessere vivavoce di ultima generazione, l’auto si sblocca quando ci si avvicina al badge e si blocca automaticamente quando viene allontanata.

quando l’innovazione unisce tecnologia e accessibilità
Dietro la custodia in plastica minimalista della carta vivavoce si nasconde un sofisticato nucleo elettronico. È programmato per “comunicare” costantemente con l’auto a cui è abbinato.

Quando si avvicina il veicolo, la carta viene rilevata dai ricevitori-trasmettitori situati in tutta la vettura. Quando il veicolo esegue il ping della carta con una richiesta di verifica, emette un segnale radio contenente un codice di accesso. Se l’auto riconosce il codice, sblocca le portiere Tutto questo richiede solo 80 millisecondi . Più veloce di un battito di ciglia! Quando la persona in possesso della carta vivavoce esce dal veicolo, il computer di bordo continua a eseguire il ping della carta a intervalli regolari, per vedere se è ancora nelle vicinanze. Quando la carta non risponde più, il computer blocca tutte le porte.

incertezza tecnica e ostacoli
Secondo Pascaline, inventare la carta vivavoce “è stata una grande sfida con una discreta quantità di rischio”. Nonostante il suo record di crash test Euro NCAP a 5 stelle , Laguna II ha sofferto di singhiozzi tecnici nei mesi successivi alla sua uscita. Questo è stato anche il caso della prima versione della scheda vivavoce. Il suo segnale potrebbe essere facilmente confuso da oggetti vicini, come le luci al neon che spesso si trovano nei parcheggi. Va detto che la tecnologia sottostante era, all’epoca, ancora agli inizi. Nonostante un brief di progettazione approfondito basato su oltre 6.000 interviste ai clienti che esaminavano i loro stili di vita, abitudini e aspettative, Renault aveva esaurito il tempo per creare prototipi, testare tutti i possibili casi d’uso e correggere eventuali incognite.

In uno sforzo concertato per soddisfare i clienti, gli allora ingegneri e designer Renault “hanno rielaborato il design da cima a fondo, per offrire un’opzione ancora più potente in seguito”, aggiunge Pascaline.

Per evitare che la batteria del badge si scaricasse, gli ingegneri Renault hanno nascosto nella sua custodia una piccola chiave di accensione.

Particolare del pulsante “Start”, incorporato in Laguna II. Ha permesso al conducente di avviare il veicolo senza chiave.

Ecco alcuni esempi di miglioramenti che sono stati aggiunti al brief di progettazione per la scheda vivavoce. Ogni caratteristica nasce da una sfida che gli ingegneri Renault hanno vinto con successo:

Garantire l’impermeabilità della scheda vivavoce. Molte persone avevano la sfortunata abitudine di dimenticare le proprie carte nelle tasche dei pantaloni o della giacca prima di metterle in lavatrice.
Rendi il caso più forte. Un’altra sfortunata abitudine era che alcuni clienti mettessero la loro carta nella tasca posteriore dei pantaloni e inavvertitamente si sedessero su di essa.
Usa il computer di bordo per disattivare lo sblocco a distanza quando ti avvicini all’auto. Per le persone che avrebbero tenuto la loro carta sempre con sé, hanno scoperto che lavare la propria auto è diventato presto un incubo. Avrebbero inconsapevolmente bloccato e sbloccato il veicolo mentre si muovevano.
Nascondi una chiave di accensione all’interno della carta . In caso di malfunzionamento della scheda o di esaurimento della batteria, Renault nascondeva nella custodia una piccola chiave di accensione che poteva essere utilizzata per aprire manualmente le porte.
Offri fino a quattro card personalizzate per veicolo . Poiché potresti avere più persone in una famiglia che utilizzano la stessa auto, Renault ha scelto di offrire fino a quattro carte per veicolo. Ogni scheda registrava anche impostazioni personalizzate per il suo proprietario specifico (impostazioni radio, posizione del sedile, aria condizionata, ecc.)
Riduci i tempi morti in officina. Per risparmiare tempo ai clienti quando inviano la propria auto al meccanico per un controllo diagnostico, la scheda vivavoce memorizza informazioni come il numero di serie e la registrazione dell’auto, i dettagli sul proprietario, l’attrezzatura, il chilometraggio e persino la pressione dei pneumatici. Divenne una sorta di ‘passaporto automobilistico’.

La Renault Hands-Free Card in cinque date chiave

20 anni di evoluzione tecnologica
Nel corso dei 20 anni dalla sua creazione, la carta vivavoce Renault ha subito continui cambiamenti. In termini di aspetto e soprattutto di tecnologia all’interno.

Nel 2001, la prima versione realizzata dal fornitore di attrezzature Valeo era conosciuta come la carta “pratica”. Chiunque fosse in possesso della carta poteva bloccare e sbloccare l’auto premendo un pulsante situato sulla carta o sulla maniglia della portiera . La versione standard doveva essere utilizzata come un telecomando o poteva essere aggiornata a un modello “mani libere”. All’interno, la console centrale presenta uno slot per la scheda e un pulsante per avviare il motore.

Nel 2007, la Renault è passata alla carta “magica” . Quando porta la carta sulla propria persona, un conducente deve solo afferrare la maniglia della portiera per sbloccare l’intera vettura. All’interno, lo slot per schede è stato rimosso .

Nel 2015, Renault ha lanciato Espace V , un minivan dotato di una versione più efficiente e rinnovata della carta vivavoce. Presentava anche una nuova sequenza di luci e suoni di benvenuto .

Nel 2019, il design ha assunto il vero significato del termine “mani libere” . L’auto si blocca e sblocca automaticamente le porte quando la carta viene avvicinata o allontanata .

Nel 2022 , la nuovissima Megane E-TECH Electric porterà ulteriormente l’esperienza a mani libere. Grazie ad antenne più efficienti , il titolare della carta viene facilmente rilevato indipendentemente da dove si trovi in ​​un’area a 360° intorno al veicolo. La sequenza di benvenuto si attiva quando si avvicinano al veicolo, mentre le maniglie delle portiere a filo , normalmente nascoste all’interno della carrozzeria, si aprono e il coperchio della porta di ricarica si sblocca automaticamente.

Quando il titolare della carta vivavoce si avvicina, Nuova Mégane E-TECH Electric attiva una sequenza di benvenuto illuminata.

qual è il futuro della carta vivavoce?
Sempre all’avanguardia nell’innovazione tecnologica , Renault negli ultimi anni ha cercato di rendere ancora più semplice l’utilizzo della carta vivavoce . Le parti elettroniche alloggiate all’interno sono diventate ancora più piccole. La sua gamma è stata estesa e la durata della batteria è stata ottimizzata. Per quanto riguarda la sicurezza, i recenti aggiornamenti hanno reso il sistema ancora più difficile da hackerare .

Una copia della scheda vivavoce di ultima generazione montata su Nuova Mégane E-TECH Electric.

Con gli smartphone che sembrano essere sul punto di sostituire le carte, Renault ha scelto di sfruttare le loro nuove capacità senza lasciare che la carta vivavoce cada nel dimenticatoio . Anzi. Nel 2021, gli ordini di equipaggiamento del veicolo Renault dimostrano che i clienti sono molto affezionati all’accessorio della carta. Erano inclusi in quasi due veicoli Renault venduti su tre . Su alcuni modelli, come ZOE ed Espace, tale tasso è salito al 100% . Su altri come Scenic, Captur, Kadjar, Talisman, Koleos e Arkana, ha superato il 90%.